spettro cromatico visibile dall’occhio umano

La realizzazione di un colore dipende da vari fattori: dal supporto, il tipo di carta, tessuto, superficie; dall’ambiente, l’illuminazione, il tempo, la luce del giorno.

il modello di colore CMYK:

E’ detto anche quadricromia, perché utilizza quattro inchiostri:

ciano, magenta, giallo e nero;

E’ di tipo sottrattivo;

Viene utilizzato per elaborare immagini destinate poi alla stampa;

non corrispondo esattamente all’equivalente col modello RGB;

Numericamente i colori sono indicati in percentuali.

Sintesi sottrattiva in pittura (e nel disegno)

sottraendo i colori che si giunge al bianco

Ciano –       Magenta –      Giallo –     Nero

il modello di colore RGB:

“i colori nel mondo digitale”

Questo modello di colori è di tipo additivo e si basa su tre colori primari: il rosso, il verde e il blu, da cui appunto l’acronimo inglese RGB (Red-Green-Blue).

Il modello RGB viene utilizzato qualora le immagini NON debbano essere stampate, ma visualizzate unicamente su un monitor, una TV, uno smartphone o qualsiasi altra sorgente luminosa per la quale valga il modello additivo della luce.

Miscelazione additiva RGB:
Rosso + verde = giallo;
Rosso + blu = magenta;
Verde + blu = ciano;
Rosso + verde + blu = bianco.

L’RGB è un modello additivo: unendo i tre colori primari alla loro intensità massima si ottiene il bianco, poiché tutta la luce viene riflessa.

                                                              RED –                                           GREEN –                           BLU –    

CONVERSIONE DEI COLORI

Modello colori ESADECIMALI HEX

 

Viene specificato un colore esadecimale: #RRGGBB. RR (rosso), GG (verde) e BB (blu) sono numeri interi esadecimali compresi tra 00 e FF che specificano l’intensità del colore.

Ad esempio, #0000FF viene visualizzato come blu, perché il componente blu è impostato sul valore più alto (FF) e gli altri sono impostati su 00

è una scala colore che si tuilizza per il web, html

Modello colori  HSB 

HSB sta per

Hue (tinta),

Saturation (saturazione) e

Brightness (luminosita’).

Secondo questo modello, qualsiasi colore e’ rappresentato da 3 numeri. Il primo numero e’ la tinta (hue), ed il suo valore si estende da 0 a 360 gradi.

Ciascun grado rappresenta un colore distinto. 

Modello colori  PANTONE®

La mazzetta Pantone è una raccolta di colori identificati con un codice.

I COLORI SONO CREATI DA PIGMENTI DA INCHIOSTRI.

IN GRAFICA SONO DEFINITI TINTA PIATTA

La prima è stata pubblicata nel 1963, con l’obiettivo di creare «un linguaggio cromatico universale che consente a marchi e produttori di prendere decisioni critiche in materia di colore in ogni fase del workflow».

Il linguaggio universale dei colore Pantone

Agli inizi degli anni ’60  Pantone era una tipografia del New Jersey, specializzata in cartelle colori per l’industria cosmetica, della moda e medica. Lawrence Herbert, un chimico che lavorava per l’azienda, notò quanto fosse difficile capirsi tra designer, agenzie di comunicazione e tipografi, quando si parlava di colore. Nel 1962 Herbert rileva l’azienda e un anno dopo, nel 1963, crea la prima guida Pantone con 10 colori, specificando la formula esatta dell’inchiostro per ogni tonalità.

Con gli anni Pantone è diventato uno standard che consente a grafici, designer, architetti, decoratori di parlare la stessa lingua, grazie alla quale è possibile indicare un rosso con la sicurezza che tutti stiano guardando lo stesso rosso.

 (Una ricca raccolta di palette colori di noti brand è possibile trovarla sul sito Brand Palettes).

ESERCIZIO

scaricate il file  (aprirlo preferibilmente con photoshop) e per ogni colore indicate la conversione nelle diverse scale colore:

CMYK

RGB

HEX (#esadecimali)

PANTONE (usare convertitore online)

INVIARE VIA EMAIL alla prof.

 

Adsense

Adsense

Adsense

Adsense